L’industria della moda produce inquinamento?

0
63

L’industria della moda ha un impatto disastroso sull’ambiente. Infatti, è il secondo più grande inquinatore al mondo, subito dopo l’industria petrolifera. E i danni ambientali aumentano man mano che l’industria cresce. Tuttavia, esistono soluzioni e alternative per mitigare questi problemi. Il primo passo consiste nel costruire la consapevolezza e la volontà di cambiare.

 

Moda e inquinamento delle acque

Nella maggior parte dei paesi in cui si producono indumenti, le acque reflue tossiche non trattate delle fabbriche tessili vengono scaricate direttamente nei fiumi. Le acque reflue contengono sostanze tossiche come piombo, mercurio e arsenico, tra gli altri. Queste sostanze sono estremamente dannose per la vita acquatica e la salute dei milioni di persone che vivono sulle rive di quei fiumi. La contaminazione raggiunge anche il mare e alla fine si diffonde in tutto il mondo. 

Un’altra importante fonte di contaminazione dell’acqua è l’uso di fertilizzanti per la produzione di cotone, che inquina pesantemente le acque di deflusso e le acque di evaporazione.

Una possibile soluzione che tutti potrebbero adottare in merito è scegliere abiti prodotti in paesi con normative ambientali più severe per le fabbriche (UE, Canada, Stati Uniti…). Scegliete fibre organiche e fibre naturali che non richiedono la produzione di sostanze chimiche.

 

Moda e consumo di acqua

L’industria della moda è un grande consumatore di acqua. 

Un’enorme quantità di acqua dolce viene utilizzata per il processo di tintura e finitura di tutti i nostri capi. Come riferimento, può richiedere fino a 200 tonnellate di acqua dolce per tonnellata di tessuto tinto.  

Inoltre, il cotone ha bisogno di tanta quantità di acqua per crescere (e riscaldare), ma di solito viene coltivato in zone calde e asciutte. Sono necessari fino a 20.000 litri d’acqua per produrre solo 1 kg di cotone. Questo genera una pressione enorme su questa preziosa risorsa, già scarsa, e ha conseguenze ecologiche drammatiche come la desertificazione del Mare di Aral, dove la produzione di cotone ha completamente prosciugato l’acqua (vedi foto sopra).  

 

Moda e microfibre negli oceani

Ogni volta che laviamo un indumento sintetico (poliestere, nylon, ecc.), circa 1.900 singole microfibre vengono rilasciate nell’acqua, facendosi strada nei nostri oceani. Gli scienziati hanno scoperto che piccoli organismi acquatici ingeriscono queste microfibre. Queste vengono poi mangiate da piccoli pesci che vengono poi mangiati da pesci più grandi, introducendo la plastica nella nostra catena alimentare

 

Moda e accumulo dei rifiuto

L’abbigliamento è chiaramente diventato usa e getta. Di conseguenza, produciamo sempre più rifiuti tessili. Una famiglia nel mondo occidentale butta via una media di 30 kg di vestiti ogni anno. Solo il 15% viene riciclato o donato, e il resto va direttamente in discarica o viene incenerito. 

Le fibre sintetiche, come il poliestere, sono fibre di plastica, quindi non biodegradabili e possono richiedere fino a 200 anni per decomporsi. Le fibre sintetiche sono utilizzate nel 72% dei nostri indumenti.

 

Moda e prodotti chimici

I prodotti chimici sono uno dei componenti principali dei nostri vestiti. Vengono utilizzati durante la produzione delle fibre, la tintura, il candeggio e la lavorazione a umido di ciascuno dei nostri capi.

L’uso pesante di sostanze chimiche nella coltivazione del cotone sta causando malattie e morte prematura tra i coltivatori di cotone, insieme all’inquinamento massiccio dell’acqua dolce e dell’oceano e al degrado del suolo. Alcune di queste sostanze sono anche dannose per il consumatore.